eventi e news > EVENTI > Il Wimu delle Famiglie

Il Wimu delle Famiglie

GUARDA TUTTE LE FOTO

06.08.2017

Chi trascorre le vacanze tra le colline di Langhe e Roero non può perdersi la visita speciale dedicata alle famiglie. 
Per l’occasione, il castello Falletti di Barolo rivela gli allestimenti dell’avveniristico Museo del Vino, opera dell’estro dell’architetto svizzero François Confino, attraverso un’avvincente visita guidata o un gioco che si snoda lungo le sale, entrambi adatti a grandi e bambini. 

Sono due infatti le opzioni di ingresso al Museo per Il WiMu delle famiglie. La visita-family con appuntamento alle 15.00, per un tour con guide esperte del WiMu – impegnate tutto l’anno nell’attività didattica con i bambini delle scuole – che accompagneranno i gruppi a scoprire la storia del vino e del castello di Barolo. Alla fine della visita, ogni famiglia porterà a casa un “pezzo di Museo”, una sorta di ricordo di un luogo speciale. La durata del tour è di circa un’ora. 

Il gioco-family è invece disponibile durante tutto l’orario di visita (dalle 10,30 alle 19, ultimo ingresso alle 18). Per chi si avventurerà nel castello Falletti ci sarà un diario di viaggio da compilare con gli spunti e le impressioni suscitate dal moderno allestimento ideato dall’architetto svizzero Confino: il paesaggio, il vino, la natura, il lavoro dell’uomo e tanti altri aneddoti, che le famiglie amanti dei Social network potranno condividere con foto, immagini e commenti sulle pagine del Museo. 

Info e costi: 
Ogni prima domenica del mese il biglietto per le famiglie è speciale.
Il prezzo di ingresso per gli adulti è di 6 euro (rispetto agli 8 della tariffa intera). 
Per i bambini gratuito fino a 5 anni, 3 euro da 6 a 14 anni. 

WiMu-visita delle 15.00: 6 euro a gruppo familiare (oltre il biglietto)

WiMu-gioco: 3 euro a gruppo familiare (oltre il biglietto)

I prossimi appuntamenti saranno:

3 settembre
1 ottobre
5 novembre
3 dicembre
7 gennaio 2018

Info:
0173/386697
info@wimubarolo.it
www.wimubarolo.it

Condividi su Facebook Condividi su Twitter

Scoprire il Barolo in tutte le sue declinazioni