il museo > françois confino

Francois Confino - WiMu

La concezione espositiva e l'allestimento del WiMu al Castello Falletti di Barolo sono firmati da François Confino, uno fra i più apprezzati specialisti al mondo in allestimenti museali.

Nato a Ginevra nel 1945, Confino si laurea in architettura nel 1970. Lavora a New York dal 1971 al 1976, dove insegna alla Columbia University. Nel 1977 torna a Parigi per allestire "Archeologia della Città", mostra inaugurale del Centre Pompidou. Aperto lo studio a Lussan nel 1978, lavora ad un enorme numero di progetti integrandoli con l'utilizzo pionieristico di mezzi multimediali.

Nel 1987 allestisce la mostra Cités - Cinés a La Villette a Parigi, successivamente itinerante in Francia, Belgio e Canada. Per la prima volta, a tale scala, un'esposizione diventa spettacolo.

Dopo una serie di importanti progetti in Francia, Canada, Portogallo, Belgio e Spagna, tra cui l'Expo di Siviglia del 1992 e Cités-Cinés 2 nel 1995, nel 1999 si occupa del Museo Toyota di Tokyo.

In Piemonte, a Torino, nel 2000 inaugura, alla Mole Antonelliana, il Museo Nazionale del Cinema e nel 2011 lavora al riallestimento del Museo Nazionale dell'Automobile.

Nel 2005 lavora al Museo delle Scienze di Suzhou, nei pressi di Shanghai, nel quale – in assenza di collezioni – è la scenografia a farla da padrona. Confino vi propone un approccio "filosofico" alla scienza e sottolinea il ruolo dell'immaginazione nelle scoperte.

In seguito si occupa, fra gli altri, del progetto museografico e scenografico per le nuove sale del Museo di Storia Naturale di Los Angeles (dal 2006); dell'allestimento del Memoriale della Schiavitù, mostra permanente allestita a Guadalupe, nelle Antille Francesi (2010); dell'allestimento del Padiglione del Futuro, uno dei cinque padiglioni tematici in cui era articolato l'Expo di Shanghai del 2010.

Attualmente lavora alla realizzazione delle scenografie del Chaplin's World – The Modern Times Museum di Corsier su Vevey in Svizzera e per la Cité de l'Économie et de la Monnaie (CEM) di Parigi: entrambe le aperture sono previste per il 2015.

Guarda il video dell'intervista
Condividi su Facebook Condividi su Twitter

«Penso che il vino sia qualcosa di estremamente poetico»
F. Confino